POLISPORTIVA F.LLI ZANNI – UNDER 14 – LA LUNGA STRADA

Sia detto senza retorica: le sconfitte, soprattutto certe sconfitte, aiutano a crescere. E danno la misura di ciò che si è fatto e, se prese dalla giusta prospettiva, mostrano la strada da percorrere.

Dopo l’allenamento immediatamente precedente l’ultima partita, Roberto Maranelli si lamentava dell’inattività forzata dovuta alle vacanze pasquali. Giustamente diceva ” Il non aver lavorato come solito ci penalizzerà. Per ottenere risultati da questa età in avanti è necessario faticare. Se non si rispettano i carichi di lavoro è come non aver fatto niente”. Ad onor del vero questo in campo si è visto e, non dimenticando che non si tratta di professionisti, abbiamo notato una squadra avversaria più pronta sotto ogni punto di vista. Ne è scaturito un incontro in cui la distanza fra le compagini è stata chiara ma comunque non netta. Si ha avuta la sensazione che mancasse quel poco per far combattere i nostri ragazzi ad armi pari, e tutto ciò è ben sintetizzato dal coach. Ecco le sue parole.

” Abbiamo avuto un bel confronto nel primo allenamento dopo la partita. Devo dire che apprezzo il fatto che, anche se in paese c’erano le giostre, i ragazzi abbiano avuto voglia di allenarsi. Peccato per la chiusura della palestra in concomitanza con le vacanze di Pasqua, sennò avremmo potuto lavorare meglio. Assieme abbiamo capito cosa non ha funzionato in partita, ed è stato bello sentire i ragazzi fare autocritica e cercare di capire i propri errori. Abbiamo pagato a caro prezzo la scarsa aggressività e concesso troppi rimbalzi sia in attacco e ancora di più in difesa, che ci ha fatto soffrire di troppe palle vaganti nella nostra metà campo. Sicuramente molte anche le palle perse, che hanno permesso a loro alcuni canestri in transizione che hanno spaccato la partita, dando il via ad un parziale che non siamo più riusciti a colmare. Dovremo intensificare il carico durante gli allenamenti per risolvere questo ed altri problemi e tutto ciò passa anche dal capire che dobbiamo avere più fiducia nei nostri mezzi, ognuno è in grado di dare il proprio contributo alla squadra. Squadra che deve essere anche più unita nei momenti di difficoltà durante una partita e la fiducia oltre che ogni ragazzo deve avere in sé stesso va assolutamente riposta anche nei compagni. Vittoria o sconfitta è sempre la squadra nel suo insieme che va giudicata”.

Tutto questo è assolutamente condivisibile, se è vero che la pallacanestro è sport in cui la squadra è praticamente tutto. Qui nessuno vince o perde da solo, per cui migliorare il giro palla, come aiutarsi a vicenda in fase difensiva, costituiscono le armi principali a nostra disposizione per fare una buona pallacanestro. Chissà se fossero riusciti a giocare di più come nell’ottimo ultimo quarto come sarebbe finita, ma sono inutili speculazioni. Anche noi, come il coach, vogliamo dire che apprezziamo lo sforzo che fanno questi ragazzi per migliorarsi, e pazienza se si perde, quando troveranno il modo giusto per superare i propri difetti potranno fare grandi cose.

Fini TimothyIMG_9364 IMG_9366 IMG_9371 IMG_9374 IMG_9377 IMG_9386 IMG_9389 IMG_9391 IMG_9396 IMG_9409 IMG_9411 IMG_9418 IMG_9422 IMG_9428 IMG_9437 IMG_9448 IMG_9452 IMG_9453 IMG_9456 IMG_9460 IMG_9462 IMG_9465 IMG_9469 IMG_9483 IMG_9485 IMG_9490 IMG_9492 IMG_9499 IMG_9506 IMG_9507 IMG_9514 IMG_9518 IMG_9520 IMG_9522 IMG_9532

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...